Benvenuti nel Blog di Claudio Martinotti Doria, blogger dal 1996


"Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam", motto dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Pauperes commilitones Christi templique Salomonis

"Ciò che insegui ti sfugge, ciò cui sfuggi ti insegue" (aneddotica orientale, paragonabile alla nostra "chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane")

"Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell'Occidente è che perdono la salute per fare soldi. E poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente in tale maniera che non riescono a vivere nè il presente nè il futuro. Sono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto."
(Dalai Lama)

"A l'è mei mangè pan e siuli, putòst che vendsi a quaicadun" (Primo Doria, detto "il Principe")

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci." Mahatma Gandhi

L'Italia non è una nazione ma un continente in miniatura con una straordinaria biodiversità e pluralità antropologica (Claudio Martinotti Doria)

Il proprio punto di vista, spesso è una visuale parziale e sfocata di un pertugio che da su un vicolo dove girano una fiction ... Molti credono sia la realtà ed i più motivati si mettono pure ad insegnare qualche tecnica per meglio osservare dal pertugio (Claudio Martinotti Doria)

Lo scopo primario della vita è semplicemente di sperimentare l'amore in tutte le sue molteplici modalità di manifestazione e di evolverci spiritualmente come individui e collettivamente (È “l'Amor che move il sole e le altre stelle”, scriveva Dante Alighieri, "un'unica Forza unisce infiniti mondi e li rende vivi", scriveva Giordano Bruno. )

La leadership politica occidentale è talmente poco dotata intellettualmente, culturalmente e spiritualmente, priva di qualsiasi perspicacia e lungimiranza, che finirà per portarci alla rovina, ponendo fine alla nostra civiltà. Claudio Martinotti Doria

PER CONTATTI: claudio@gc-colibri.com

Se preferite comunicare telefonicamente potete inviare un sms al 3485243182 lasciando il proprio recapito telefonico (fisso o mobile) per essere richiamati. Non rispondo al cellulare ai numeri sconosciuti per evitare le proposte commerciali sempre più assillanti

Questo blog ha adottato Creative Commons

Licenza Creative Commons
Blog personale by Claudio Martinotti Doria is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at www.cavalieredimonferrato.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.cavalieredimonferrato.it.

COME SOSTENERE LA MIA PERSEVERANTE ATTIVITA' DI VOLONTARIATO. Se avete apprezzato l’impegno e l’originalità dei miei articoli ritenendo che la mia attività divulgativa meriti un sostegno, appena avrete l’opportunità di farlo dedicate qualche minuto e qualche euro per sostenerla, tenendo presente che non ho entrate pubblicitarie e nessuno sponsor (condizione necessaria per mantenersi indipendenti) ed inoltre sono una vittima della riforma previdenziale della Fornero e la mia pensione è stata rinviata al 2024, ed è giusto che lo sappiate fin da adesso che l’importo che mi sarà erogato sarà minimo. Potrete contribuire con una donazione tramite PayPal all’account claudio@gc-colibri.com oppure a questo link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted

Se non siete registrati a Paypal potete effettuare un bonifico bancario all’IBAN IT42M0303222600010000002011 (Credem, filiale di Casale Monferrato)

You can make a donation using PayPal account claudio@gc-colibri.com or at this link: https://www.paypal.com/cgi-bin/webscr?cmd=_donations&business=Z2M2PAF4N76V6&lc=IT&item_name=Claudio%20Martinotti%20Doria&currency_code=EUR&bn=PP%2dDonationsBF%3abtn_donateCC_LG%2egif%3aNonHosted





Patriă Montisferrati

Patriă Montisferrati
Cliccando sullo stemma del Monferrato potrete seguire su Casale News la rubrica di Storia Locale "Patriă Montisferrati", curata da Claudio Martinotti Doria in collaborazione con Manfredi Lanza, discendente aleramico del marchesi del Vasto - Busca - Lancia, principi di Trabia

Come valorizzare il Monferrato Storico

La Storia, così come il territorio e le sue genti che l’hanno vissuta e ne sono spesso ignoti ed anonimi protagonisti, meritano il massimo rispetto, occorre pertanto accostarsi ad essa con umiltà e desiderio di apprendere e servire. In questo caso si tratta di servire il Monferrato, come priorità rispetto a qualsiasi altra istanza (personale o di campanile), riconoscendo il valore di chi ci ha preceduti e di coloro che hanno contribuito a valorizzarlo, coinvolgendo senza preclusioni tutte le comunità insediate sul territorio del Monferrato Storico, affinché ognuna faccia la sua parte con una visione d’insieme ed un’unica coesa identità storico-culturale condivisa. Se ci si limita a piccole porzioni del Monferrato, per quanto significative, si è perdenti e dispersivi in partenza.

Sarà un percorso lungo e lento ma è l’unico percorribile se si vuole agire veramente per favorire il Monferrato Storico e proporlo con successo come un’unica entità territoriale turistico culturale ed economica …

I sospetti sul Bitcoin sono ampiamente giustificati, potrebbe essere una trappola sofisticata

Diffidente per esperienza, non mi sono mai iscritto ad alcun social network, come Facebook, e tanto meno ho mai acquistato criptovalute come Bitcoin (anche se mi era stato suggerito di farlo, da fior di economisti amici, fin dai primordi, quando costavano poche decine di centesimi). Coglione? Non credo di esserlo se non a livello fisiologici, semplicemente perseguo come valore primario la libertà, e per rimanere libero devo evitare i tranelli, le trappole, le mistificazioni, i diversivi, le tentazioni, le cose apparentemente innocue ma che tali non sono, ecc., tutti quei marchingegni sofisticati che possono tracciarti o peggio ancora truffarti, vincolarti e poi opprimerti. Centinaia di migliaia di persone nel mondo si suicidano proprio perché finite in queste trappole mortali, come gli agricoltori indebitati con le banche che gli confiscano tutti i beni perché i prezzi di mercato (artificiale) che impongono alle loro produzioni (inquinanti) non coprono neppure le spese, meno che mai la fatica del loro lavoro. Che dire quindi delle centinaia di migliaia di persone (meglio sarebbe definirli pecore o polli) che stanno acquistando i bitcoin negli ultimi mesi? Saranno i prossimi suicidi? alcuni probabilmente si, considerando che c'è chi si indebita per farlo, quindi non rischia solo risorse superflue, che si può permettere di perdere, ma rischia pure risorse non proprie, che dovrebbe restituire pagandoci sopra interessi bancari ed usurai. E lo fanno stoltamente e superficialmente seguendo il gregge ed il parco buoi, senza minimamente documentarsi, altrimenti dovrebbero venire a sapere che esistono alternative anche tra le criptovalute, decisamente più appetibili e con migliori prospettive di crescita e di durata. Come Ethereum, con la quale (criptovaluta) ogni transazione costa solo poche decine di centesimi, contro i circa 15 dollari del Bitcoin, ed impiega solo pochi secondi contro i circa dieci minuti del Bitcoin, quindi è anche meno energivoro (aspetto questo molto trascurato perché poco conosciuto dalla massa). Il Bitcoin in confronto ad Ethereum è un dinosauro del Giurassico, sarebbe come paragonare un'auto Balilla con una auto elettrica della Tesla di oggi, per di più a guida automatica, cioé senza bisogno di doverla guidare. Come ho già scritto in precedenti articoli, quello che avviene mi rammenta la follia della Bolla dei Tulipani della prima metà dell'600 in Olanda, quando si comprava un bulbo di tulipano pagandolo l'equivalente di 50 anni di stipendio di un operaio specializzato, ed oltre. Alla fine in mano rimase solo il bulbo, senza più alcun valore. In questo caso la follia è ancora più grave, perché potrebbe occultare un piano ordito a livello istituzionale internazionale per imporre una criptovaluta mondiale sostitutiva del denaro contante (che essendo privo di gold standard non possiede alcun contravalore a garanzia, si basa solo sulla fiducia). Se così fosse, come l'autore fa presagire con ipotesi tutt'altro che campate in aria e complottiste, allora voglio sperare che siano tanti coloro che non volendo seguire il gregge si siano dotati di oro e argento fisico, perché tornerà in auge, anche se verrà perseguitato dai governi mondiali, sarà la vera ed unica moneta riconosciuta a livello popolare nel mercato nero, che ach'esso tornerà in auge, perché nessun governo mondiale potrai mai imporre a miliardi di persone la propria volontà senza provocare reazioni, anche se solo di nicchia (tante nicchie), nessuno potrà impedire loro di commerciare, scambiare, barattare, contrattare, ecc., beni e servizi, nessuno potrà impedire loro di essere liberi. La maggioranza forse si adeguerà compiaciuta, ma non tutti. Non sono tutti stupidi e pusillanimi. Fortunatamente.
Claudio Martinotti Doria


L’evidenza indica che il Bitcoin è uno psyop della NSA per implementare la valuta digitale mondiale


autore Mike Adams

Parto dall’idea che i lettori che leggono questo articolo siano abbastanza bene informati da  non dover esporre tutta la storia dei cambiavalute internazionali e della loro aspirazione per la moneta mondiale. (Se non comprendi ancora l’obiettivo dell’impero bancario globalista e dell’imminente crollo del sistema monetario fiat, sei  indietro di almeno 5000 post dall’arrivo ).
Con questo, sul punto di partenza, sta divenendo sempre più evidente che Bitcoin potrebbe essere una creazione dell’NSA (National Security Agency)  ed è stato lanciato come un esperimento di “normalizzazione” per far conoscere al pubblico la valuta digitale. Una volta stabilito questo, le valute fiat del mondo saranno cancellate in un crollo del debito progettato (vedi sotto la sequenza degli eventi), poi sostituite con una criptovaluta approvata dal governo con il monitoraggio di tutte le transazioni e dei portafogli digitali da parte dei governi occidentali del mondo.
I matematici della NSA hanno dettagliato il “denaro digitale” vent’anni fa
Quali prove supportano questa nozione? Per prima cosa, dai un’occhiata a questo documento intitolato ” Come fare una zecca: la crittografia di contanti elettronici anonimi“. Questo documento, pubblicato nel 1997 – sì, venti anni fa – ha dettagliato la struttura e la funzione complessiva della criptovaluta Bitcoin .
Chi ha creato il documento? Cerca di non rimanere scioccato quando apprendi che è stato creato da “crittografi matematici presso il National Security Agency’s Office of Information Security Research and Technology“.
L’NSA, in altre parole, ha dettagliato gli elementi chiave del Bitcoin molto prima che Bitcoin sia mai esistito. Gran parte del protocollo Bitcoin è dettagliato in questo documento, incluse le tecniche di autenticazione delle firme, eliminando le contraffazioni di crittografia attraverso l’autenticazione delle transazioni e diverse funzionalità che supportano l’anonimato e l’impossibilità di tracciabilità delle transazioni. Il documento delinea anche il maggiore rischio di riciclaggio di denaro che è facilmente realizzabile con criptovalute. Descrive inoltre che  l'”hashing sicuro” (un algoritmo sicuro) deve essere “sia a senso unico che privo di collisioni“.
Sebbene Bitcoin contribuisca all’estrazione condivisa di un sistema di autenticazione di transazione, block-block peer-to-peer di questa struttura, è chiaro che la NSA stava effettuando ricerche sulle criptovalute molto prima che gli utenti attuali avessero mai sentito parlare del termine. Nota anche che il nome della persona accreditata con Bitcoin fondatore è Satoshi Nakamoto , che si ritiene abbia riservato un milione di Bitcoin per se stesso . Milioni di post e discussioni online discutono sulla possibile identità di Satoshi Nakamoto, e alcuni post sostengono addirittura che l’NSA abbia identificato Satoshi . Tuttavia, un’altra probabile spiegazione è che Satoshi Nakamoto è l’NSA, il che significa che sta lavorando per la NSA è un personaggio fantoccio creato dalla NSA per i fini di questo intero grande esperimento.
L’NSA ha scritto anche l’hash crittografico utilizzato da Bitcoin per proteggere tutte le transazioni
Oltre al fatto che la NSA ha creato un documento tecnico sulla criptovaluta molto prima dell’arrivo di Bitcoin, l’agenzia è anche il creatore dell’hash SHA-256 da cui dipende ogni transazione Bitcoin nel mondo. Come spiega The Hacker News . “L’integrità del Bitcoin dipende da una funzione di hash chiamata SHA-256 , progettata dalla NSA e pubblicata dal National Institute for Standards and Technology (NIST).” THN aggiunge:
” Se si presuppone che la NSA abbia fatto qualcosa per SHA-256, che nessun ricercatore esterno ha rilevato, ciò che si ottiene è la capacità, con un’azione credibile e rilevabile, di essere in grado di falsificare le transazioni. La cosa davvero spaventosa è che qualcuno abbia una modalità per trovare le collisioni di SHA-256 veramente veloce senza l’uso di forza bruta o di grandi lotti di hardware e quindi prendere il controllo della rete. ” Ha  detto il ricercatore di crittografia Matthew D. Green della Johns Hopkins University.
In altre parole, se l’hash SHA-256, che è stato creato dalla NSA, in realtà ha un metodo backdoor per craccare la crittografia, significherebbe che la NSA potrebbe rubare i Bitcoin di tutti quando vuole . (Chiamalo “Zero Day.”) Lo stesso articolo, scritto da Mohit Kumar, conclude misteriosamente: “Ancora oggi è troppo presto per trarre conclusioni su Bitcoin. Forse è stato progettato fin dal primo giorno come strumento per aiutare a mantenere il controllo delle risorse finanziarie del mondo. ”
E con questa affermazione, Kumar si è effettivamente imbattuto nell’obiettivo più grande in tutto questo: prendere il controllo sull’offerta di moneta mondiale mentre il sistema di moneta a corso forzoso si sgretola, viene sostituito con una moneta digitale mondiale controllata dai globalisti.
Pensi che la crittografia sia inattaccabile? Ripensaci…
Non pensare che la crittografia della criptovaluta sia sicura e inattaccabile, prendi in considerazione questo articolo di The Hacker NewsResearchers Crack 1024-bit RSA Encryption in GnuPG Crypto Library , che afferma: “L’attacco consente a un utente malintenzionato di estrarre la chiave crittografica segreta da un sistema analizzando il modello di utilizzo della memoria o le uscite elettromagnetiche del dispositivo che vengono emesse durante il processo di decodifica. ”
Nota, importante, che questo è un sistema di crittografia a 1024 bit . Si dice anche che la stessa tecnica sia in grado di decodificare la crittografia a 2048 bit. In effetti, i livelli di crittografia vengono crackati quotidianamente da hacker intelligenti. Alcuni di questi livelli di crittografia alimentano varie criptovalute in questo momento. A meno che tu non sia un matematico di altissimo livello, non c’è modo di sapere con certezza se una valuta criptata è veramente non hackerabile.
Infatti, ogni criptovaluta diventa obsoleta con l’invenzione del calcolo quantistico su larga scala. Una volta che la Cina riuscirà a costruire un computer quantico funzionante a 256 bit, può efficacemente rubare tutti i Bitcoin nel mondo (oltre a rubare la maggior parte dei segreti nazionali e commettere altri caos globali a volontà).

Dieci passi verso la cripto-tirannia: il “grande piano” dei globalisti (e come coinvolge Bitcoin)
In sintesi, ecco un possibile piano dei globalisti per ottenere il controllo totale sull’offerta di moneta, i risparmi, le tasse e le transazioni finanziarie mondiali mentre schiavizzano l’umanità. (E tutto inizia con Bitcoin.)
1) Distribuire il Bitcoin creato dalla NSA per far sì che il pubblico sia entusiasta di una valuta digitale.
2) Preparare tranquillamente una criptovaluta controllata dai globalisti per prenderne il suo posto. (JP Morgan, o qualcun altro?)
3) Avviare una massiccia operazione di falsa bandiera  (false flag) su scala mondiale che blocca i mercati del debito globale e mandi in fiamme le valute fiat. (Bufala di invasione aliena, falso attacco EMP della Corea del Nord, attacco terrorista della rete elettrica, ecc.)
4) Incolpare qualsiasi nemico conveniente sia politicamente accettabile (Corea del Nord, “i russi”, i piccoli uomini verdi o qualunque cosa occorra …).
5) Permettete alla piramide del debito in moneta fiat di crollare e covare fino a quando la pecora non sarà disperata (cioè la disperazione in stile venezuelano con le persone affamate che mangiano rifiuti nelle discariche).
6) Con grande clamore, annunciare una sostituzione con criptovalute sostenuta dal governo di tutte le valute legali e posizionare i governi mondiali come i SALVATORI dell’umanità. Consentire al pubblico disperato di scambiare le proprie valute legali con le criptovalute ufficiali.
7) Bandire i contanti e criminalizzare la proprietà dell’oro e dell’argento da parte di privati ​​cittadini. Tutto nel nome della “sicurezza“, ovviamente.
8) Criminalizzare tutte le criptovalute non ufficiali come il Bitcoin, facendo crollare il loro valore virtualmente durante la notte e incanalando tutti nella criptomoneta del governo mondiale, dove l’NSA controlla la blockchain. Questo può essere facilmente ottenuto incolpando l’evento di falsa bandiera (vedi sopra)  una nazione o un gruppo che si dice sia stato “finanziato con Bitcoin, la criptovaluta usata dai terroristi“.
9) Richiedere identificatori RFID o biometrici incorporati per tutte le transazioni al fine di “autenticare” le attività di valuta cripto digitale un mondo. Mark of the Beast  (il numero della bestia) diventa realtà. A nessuno è permesso mangiare, viaggiare o guadagnare un salario senza essere marchiati.
10) Una volta raggiunto il controllo assoluto sulla nuova moneta digitale mondiale, armata la blockchain tracciata dal governo per monitorare tutte le transazioni, gli investimenti e le attività commerciali. Confiscano una parte di tutta la criptografia con il pretesto della “tassazione automatizzata“. In caso di emergenza, il governo può persino annunciare tassi di interesse negativi in cui le partecipazioni diminuiscono automaticamente ogni giorno.
Con tutto ciò, i globalisti possono ora implementare un assoluto controllo totalitario su ogni aspetto della vita privata imponendo “blackout” finanziari a quegli individui che criticano il governo. Possono mettere in atto detrazioni automatiche per le violazioni del codice stradale, le tasse sulle targhe dei veicoli, le tasse di Internet e mille altre tasse opprimenti inventate dalla burocrazia. Con le detrazioni automatiche gestite dal governo, i cittadini non hanno alcun mezzo per fermare l’infinita confisca dei loro “soldi” da parte di burocrati totalitari e dei loro lacchè profondi.
Come lo vedi ora il Bitcoin?


http://sadefenza.blogspot.it/2017/12/levidenza-indica-che-il-bitcoin-e-uno.html

Le leadership evangeliche, sioniste e neocons americane ed israeliane intendono provocare l'Armageddon



Quanto riporta l’articolo sottostante che vi propongo, lascia basiti e seriamente preoccupati.
Se coloro che hanno la responsabilità della leadership della più grande potenza economico militare dell’umanità, hanno simili convinzioni apocalittiche ed escatologiche e gli obiettivi aberranti che ne conseguono (ben descritte nell’articolo), significa che per l’umanità ci sono poche speranze che non si pervenga ad una guerra estesa e distruttiva dalle gravissime ripercussioni, da loro volutamente scatenata.
Alla base di simili aberrazioni c’è sempre l’ignoranza, soprattutto storica e culturale, l’incapacità di ricercare, analizzare e confrontare le fonti storiche, l’assenza di capacità critiche e di obiettività, che sfocia inevitabilmente nel fanatismo e nella mitomania e megalomania, convinti di eseguire la volontà di un qualche dio confezionato su misura per loro.
Che la leadership americana, evangelica, sionista e neocon, sia convinta di fare la volontà di dio, si era già manifestato innumerevoli volte in passato, ma in questo articolo è ben specificato a quale testo facciano riferimento: La Rivelazione attribuita a Giovanni e popolarmente conosciuta come Apocalisse, cioè un testo di cui non si conoscono gli autori e neppure quando fu scritto. Si presume solo che risalga a settanta o forse ottant’anni dopo la morte di Gesù Cristo e riporta simbolismi che possono essere interpretati in miriadi di modi, come la vasta letteratura in materia dimostra ampiamente (i testi interpretativi in proposito si sprecano) e soprattutto non hanno alcun precedente, contiene frasi e concetti, metafore e simbolismi mai espressi dal Messia e da suoi presunti apostoli, e quindi dovrebbero spiegarci come potrebbe un individuo (o più individui), redattore del testo, aver riportato una profezia che dovrebbe essere presa sul serio, anziché considerarla semplicemente un’opera di fantasia a scopo strumentale di indottrinamento, come tante altre religiose dell’epoca, oppure l’opera di qualcuno sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.
Sarebbe un tipico ma devastante caso d’identificazione con un testo presunto profetico, la cui profezia potrebbe avverarsi non per motivi teleologici e di predestinazione, ma perché realizzata dai fanatici che ci credono e che fanno di tutto perché si attui. Che tutto questo si possa attuare negli USA si spiega con il proliferare di sette evangeliche e predicatori da operetta che dispongono di una pletora di media dai quali propagano una intensa e perseverante propaganda ipnotizzante, che attira folle sempre più vaste di fedeli, bisognosi di aggrapparsi a qualcosa per dare un senso alle loro futili vite.
E che dire poi dei loro più preziosi alleati, citati nell’articolo, quelli che credono ancora di essere vincolati a un antico patto stipulato con un certo Yahweh, che nell’Antico Testamento è citato innumerevoli volte, e che venne successivamente tradotto dai teologi cristiani come Signore o Eterno, ed era l’elohim cui fu affidata la discendenza di Giacobbe (israeliti, cioè il popolo di Israele, era pertanto l'elohim d'Israele), che aveva una compagna denominata Asherah, cioè una elohim femmina, nella mitologia cananea, semitica, ugaritica e teologica identificata con la Grande Madre, Regina dei Cieli, ecc., poi rimossa dalla successiva religione maschilista misogina paolina e niceana.
La denominazione originaria è limitata alle sole consonanti Yhwh, l'inserimento delle vocali è molto successiva, risalente ai masoreti, diversi secoli d.C., nessuna sa esattamente quale fosse la denominazione e pronuncia originaria.
Yahweh ha sempre e solo operato nel Canaan, in perenne conflitto con elohim rivali e parigrado che comandavano le altre discendenze abramitiche (tra cui il padre Isacco ed Esaù il fratello gemello di Giacobbe), pertanto oggi si potrebbe legittimamente definire antisemita. Quindi si trattava di lotte fratricide, tra cugini primi e parenti stretti, in un'area limitata.
Tra gli elohim dell’epoca era insignificante come grado gerarchico e autorità posseduta, possedeva modeste capacità strategiche, non poteva certo misurarsi con le grandi potenze che circondavano il suo piccolo regno, guidate da elohim ben più potenti di lui.
Il fatto che gli israeliti (che erano solo una parte del popolo ebraico) abbiano stabilito con Yahweh un patto millenario, cui si sono mantenuti perennemente fedeli, ritenendosi un popolo “eletto” e superiore a tutti gli altri, quindi destinato a dominare su tutti gli altri, è piuttosto paradossale e grottesco, se non fosse anche tragico. Soprattutto in considerazione del fatto che il patto tra Yahweh e il popolo di Israele (e non con tutti gli ebrei, come comunemente si ritiene) non fu mai mantenuto per la parte di spettanza di Yahweh, non avendo adempiuto neppure minimamente alle sue promesse di conquista territoriale e di prosperità (la cosiddetta Grande Israele che doveva andare dal Nilo all'Eufrate, cui ancora ora molti fanatici fanno riferimento come obiettivo strategico, motivo di scatenamento di eterni conflitti nell’area).
Yahweh è praticamente sparito dopo l'esilio o “cattività babilonese” al tempo di Nabucodonosor, dopo la prima distruzione del tempio di Gerusalemme nel 586 a.C. e la deportazione del popolo ebraico, rappresentando tale evento storico l'apoteosi del suo fallimento.
Successivamente, la classe sacerdotale d'Israele iniziò a concepire e trasformare la “divinità” (che tale non è mai stata considerata in precedenza, non essendoci nella lingua e cultura ebraica neppure un vocabolo per indicare Dio), in senso spirituale e metafisico, non essendo più credibile la “versione” materialistica, espansionistica, militarista ed autoritaria precedente e dovendo in qualche modo continuare a sottomettere e governare la popolazione per il tramite di una religione. Infatti fu solo in quell'epoca che iniziarono a redigere i testi dell'Antico Testamento (attingendo a piene mani a testi preesistenti sumero accadici, babilonesi, egizi e fenici, tra le quali per scopi legislativi le tre Tavole sumere di Sippar ed il codice di Ur-Nammu) con l'obiettivo di creare una nazione utilizzando il patto di Yahweh come motivo unificante e fondativo. Pertanto i contenuti, spesso contraddittori e dissonanti, dell’Antico Testamento, erano finalizzati e funzionali ai soli scopi politici aggregativi ed economici.
E' altresì paradossale e grottesco che sia proprio una delle innumerevoli sette religiose ebraiche a essere massimamente antisioniste, cioè contrarie alla costituzione ed esistenza in vita dell'attuale stato di Israele, mi riferisco ai Neturei Karta che per motivi religiosi (non politici) ritengono che sia una profanazione del patto anticamente stipulato, in quanto solo Yahweh avrebbe dovuto concedere loro una nazione e non essere il frutto di un'iniziativa politica umana. Pertanto ritengono che i territori attuali di Israele appartengano ai palestinesi, arabi ed ebrei, che in essa hanno sempre vissuto e che il governo israeliano abusa di pretesti religiosi per attuare una politica espansionistica, aggressiva e repressiva. Sono pertanto perseguitati in patria e costretti a vivere all'Estero.
Altra importante considerazione storico culturale, che molti trascurano o non ne sono informati, riguarda i Cazari (o Kazary), una popolazione eterogenea e seminomade di idioma turco, originaria delle steppe dell'Asia centrale, che nell'Alto Medioevo ha fondato il Gran Khanato di Khazaria un vastissimo impero situato tra il Mar Nero ed il Caspio e una gran parte dell'attuale Russia europea. I Cazari nei decenni a cavallo tra l'VIII ed il IX secolo si convertirono in massa al giudaismo, indotti dal Khan e dalla nobiltà, scelta dettata probabilmente per motivi politici, invitando nel loro territorio numerosi rabbini e costruendo molte sinagoghe. Per quanto a livello storiografico l'interpretazione sia ancora molto controversa, alcuni studiosi ritengono che siano stati i cazari con questa conversione di massa a rimpinguare e rivitalizzare la religione giudaica, essendosi soprattutto dispersi nei secoli successivi nei paesi del Centro e dell'Est europeo e in Russia, che sono stati i luoghi primari di diffusione dell'ebraismo nel mondo nel corso del XX secolo.
Pertanto costituirebbero una cospicua componente dell'attuale popolo ebraico, attualmente presente per un terzo in Israele e due terzi nel mondo, una minoranza molto influente che detiene le leve del potere politico economico, per il controllo finanziario di cui dispone e che costituisce la maggioranza dei cosiddetti neocons negli USA, il governo profondo ed occulto che manovra dietro le quinte gli USA e soprattutto l'apparato industriale militare ed il Pentagono.
Pertanto, anche queste argomentazioni smentiscono totalmente l'attualità del patto con Yahweh, che riguardava solo la tribù di Giacobbe, cioè il popolo di Israele (israeliti, da non confondere con gli attuali israeliani), in quanto la stragrande maggioranza degli attuali ebrei nulla hanno a che fare con gli israeliti biblici originari.
Ci sarebbe anche da approfondire l'attuale apporto all'ebraismo da parte dei sabbatei, cioè i seguaci di Sabbatai Zevi, il rabbino che nel XVII secolo riuscì a convincere la metà dell'allora popolo ebraico di essere il Messia (il suo movimento contava circa un milione di seguaci), finché per salvarsi la vita commise apostasia e si convertì all'Islam. Una minoranza dei suoi seguaci, nonostante tutto, continuarono a rimanergli fedeli, giustificandolo ad oltranza, elaborando sofisticati alibi ed interpretazioni dottrinali e teologiche per favorirlo, legittimando il suo comportamento iniquo. Tale andazzo pare sia proseguito nei secoli da parte di questa setta e alcuni studiosi sono convinti che sia ancora oggi molto influente in Israele, caratterizzandosi per cinismo e immoralità, aberrazione ed empietà, convinti di essere in pieno diritto di comportarsi in tal modo per diritto divino, essendo il “popolo eletto”, e che la redenzione (che per loro ha un significato pragmatico egoico) avvenga solo tramite i più turpi comportamenti peccaminosi e spietati. Una specie di ritorno etnico-culturale alle origini del popolo d’Israele ai tempi in cui realmente governava Yahweh, con la sua presenza fisica e potenza militare, periodo durante il quale si commisero veri e propri abomini e crimini contro l’umanità.
Se la leadership americana e sionista fosse veramente a conoscenza di quanto da me riportato, non sarebbero così fanatici e ignoranti, non pretenderebbero di governare il mondo con la protervia e la forza delle armi, ritenendosi superiori per diritto divino, non sarebbero disposti a massacrare e distruggere in nome di un dio esistente solo nella loro mente limitata, ma si sottoporrebbero a cure psichiatriche, prima che sia troppo tardi.
Claudio Martinotti Doria